Come posso alleviare il dolore articolare?

Per contrastare il dolore è fondamentale innanzitutto il riposo articolare: non sforzare l’articolazione infiammata.

Considera che la terapia di base prescritta dal reumatologo per curare l’artrite psoriasica serve proprio a controllare la malattia e di conseguenza a prevenire e tenere a bada il dolore: assicurati di assumerla correttamente.

La fisioterapia e la terapia occupazionale sono utili per prevenire l’insorgenza del dolore e tenerlo a bada attraverso una serie di accorgimenti da mettere in pratica nella vita quotidiana, come vedremo tra poco.

Se senti che i sintomi non sono ben controllati e le articolazioni continuano a farti male, rivolgiti al tuo reumatologo di riferimento, che in base al tipo e all’intensità del dolore deciderà se sia il caso di aggiungere qualche altro farmaco oltre alla terapia di base che stai già prendendo. Per ridurre il dolore nell’artrite psoriasica si usano certi antinfiammatori particolari; si possono inoltre fare brevi cicli di cortisone.

Infine, secondo alcuni studi, l’agopuntura è una valida opzione per ridurre il dolore e, se praticata da un professionista esperto (certificato), non ha effetti collaterali. Non sostituisce comunque la terapia medica di base.

E’ normale questa stanchezza?

Uno dei sintomi delle malattie infiammatorie è la stanchezza, che può manifestarsi quando non sono ben controllate.
La stanchezza può però essere dovuta anche a moltissime altre cause, come per esempio l’anemia, che bisogna escludere con gli esami del sangue. Riferire al medico questo sintomo è fondamentale anche per indirizzare il percorso diagnostico e scegliere la terapia più adatta.

Come posso proteggere le articolazioni?

La riabilitazione è una componente essenziale del percorso terapeutico.

Spesso non ci rendiamo conto di quanto sia importante mantenere una postura corretta e usare in maniera appropriata le articolazioni,
evitando di sforzarle e sovraccaricarle inutilmente. Questo è vero per tutti, ma diventa particolarmente importante per le persone che hanno una malattia delle articolazioni, come per esempio l’artrite psoriasica. Gli esperti hanno sviluppato una serie di strategie per la protezione delle articolazioni dal sovraffaticamento; gli studi hanno dimostrato che seguire queste raccomandazioni allevia il dolore, riduce l’intensità dell’infiammazione e aiuta a mantenere la normale funzione articolare.

Abbiamo raggruppato per voi 8 pilastri della protezione articolare. Consigli pratici che vi consigliamo di seguire sempre.

    1. Conosci e rispetta il tuo dolore: cerca di individuare i momenti e gli aspetti della quotidianità che lo scatenano o lo intensificano; in seguito potrai basarti su queste osservazioni per trovare il modo di svolgere le tue attività evitando i gesti che scatenano o peggiorano il dolore.
    2. Distribuisci il carico sulle articolazioni più forti e/o su una superficie più ampia: più l’articolazione è grande e più è forte, perciò le grandi articolazioni possono sopportare un carico maggiore rispetto alle piccole. Caricare le piccole articolazioni più del dovuto può sforzare le strutture articolari e provocare dolore; questo vale in particolare per le piccole articolazioni delle mani, quindi se ad esempio devi pulire il tavolo con la spugnetta, usa il palmo della mano aperto invece che le sole dita.
    3. Evita di mantenere le articolazioni ferme troppo a lungo nellastessa posizione, perché tendono a irrigidirsi; inoltre, l’immobilizzazione prolungata di un’articolazione per giorni o settimane può indebolire molto il muscolo che la muove. Se noti che quando sei a teatro o al cinema dopo un po’ ti si irrigidiscono le ginocchia, puoi provare a sederti nei posti vicino al corridoio, così hai lo spazio per allungare le gambe di tanto in tanto.
    4. Se hai qualche chilo di troppo, cerca di perderli: chi soffre di artrite tende a muoversi poco a causa del dolore; questa situazione favorisce la comparsa di sovrappeso e obesità, che sovraccaricano i muscoli e le articolazioni, specialmente quelle della parte inferiore del corpo (bacino, ginocchia e caviglie). Calare di peso contribuisce a ridurre il dolore, regalando una sensazione di benessere ed energia.
    5. Mantieni una corretta postura in modo tale da distribuire omogeneamente il carico su muscoli e articolazioni per evitare di sforzarne alcuni e prevenire il dolore. Mantenere una postura eccessivamente rilassata o troppo rigida, ma anche stare seduti o in piedi a lungo nella stessa posizione può provocare mal di schiena. Imparare una corretta postura è una strategia efficace per contrastare il dolore provocato dall’artrite: inizialmente può essere un po’ faticoso, ma poi diventa naturale e richiede molto meno impegno.
    6. Usa la minima forza indispensabile per portare a termine il lavoro: afferrare gli oggetti e tenerli stretti con le dita sono gesti che sforzano molto le piccole articolazioni della mano. Cerca di non stringere troppo forte gli oggetti che maneggi, prenditi qualche pausa per far riposare le articolazioni e ricorda che per certi compiti manuali esistono appositi strumenti che possono facilitare il movimento.
    7. Sii efficiente: organizzati in modo da bilanciare il lavoro con il riposo. L’uso regolare del computer può affaticare i muscoli, le articolazioni e gli occhi, favorendo la comparsa di mal di schiena, dolore al collo e cefalea. Se lavori al computer per molte ore al giorno, è bene fermarsi un attimo ogni tanto per fare alcuni esercizi che servono a scioglierti e riattivare la circolazione. Rinforzare i muscoli praticando attività fisica aumenta la tua resistenza allo sforzo: più sei allenato e più a lungo riesci a lavorare alla tua postazione senza che si presentino i sintomi da affaticamento di muscoli e articolazioni.
    8. Rimani attivo per mantenere e aumentare la forza e l’ampiezza del movimento. L’esercizio fisico gioca un ruolo importante nel controllo del peso e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Un programma di esercizi studiato su misura per te contribuisce a ridurre il dolore e migliorare la funzionalità articolare. Non tutti i tipi di sport vanno bene; in linea di massima, camminare, nuotare e andare in bicicletta sono attività sicure che puoi svolgere tranquillamente. Tuttavia, se hai l’artrite devi comunque adottare una serie di accorgimenti per praticare il fitness in sicurezza, ad esempio fare un riscaldamento più lungo prima dell’esercizio. Consulta un fisioterapista o un terapista occupazionale per studiare insieme un programma di attività aerobica che sia allo stesso tempo efficace
      e adeguato per te.

La fisioterapia può aiutarmi?

In parte. I professionisti specializzati nel campo della riabilitazione sono il fisioterapista e il terapista occupazionale, che ti spiegano le basi della protezione articolare e studiano con te un programma per imparare a prenderti cura delle tue articolazioni e ad usarle correttamente.
Naturalmente la riabilitazione non sostituisce, ma integra la terapia farmacologica: per ottenere buoni risultati bisogna agire su entrambi i fronti.

Le cure termali funzionano?

Le cure termali sono molto utili quando vengono praticate seguendo un programma terapeutico prescritto dallo specialista in un ambiente predisposto; al contrario, se mancano queste condizioni, le cure termali possono rivelarsi inutili e addirittura dannose.

Fumo e alcol possono incidere sull’artrite psoriasica?

Sì: il fumo e l’alcool stimolano potentemente l’infiammazione,aggravando notevolmente non solo l’artrite psoriasica, ma anche le altre malattie che possono associarsi ad essa.

Cerca di ridurre al minimo le bevande alcoliche – in particolare evita i superalcolici – e smetti di fumare, poiché, come nella psoriasi, queste abitudini possono scatenare le riacutizzazioni della
malattia.