Benessere naturale, è la Notte Celeste 2019

Dal 14 al 16 giugno l’ottava edizione della grande festa delle Terme dell’Emilia Romagna

Per la sua ottava edizione la Notte Celeste, la grande gesta sotto le stelle delle Terme dell’Emilia Romagna, celebra la salute del corpo e della mente con “Il Tuo Benessere naturale”, l’evento corale del weekend del 14-16 giugno.

Tre giorni di eventi, ed il 15 giugno la giornata clou della festa, dal tramonto a notte inoltrata, coinvolgerà gli stabilimenti termali da Salsomaggiore a Riccione, che tra mille bandiere celesti daranno il benvenuto ad oltre 70.000 ospiti. A rendere imperdibile questo evento, un ricco programma di appuntamenti per tutta la famiglia, e a mezzanotte, come vuole la tradizione della Notte Celeste, ogni località termale saluterà questa edizione 2019 con un momento “rituale”, dai fuochi d’artificio sul mare alle fontane danzanti, passando per la musica sotto le stelle.

Sono tanti gli appuntamenti, quasi tutti gratuiti, da non perdere in questa Notte Celeste 2019:

  • le terme di Cervarezza ospiteranno un originale convegno sulla “Forest Therapy”, l’antico rimedio antistress e antidepressivo che si basa sul trarre energia dalla natura incontaminata dei boschi
  • alle Thermae Oasis di Comacchio relax al chiaro di luna ai “Giardini del benessere” (il percorso idroterapico termale con vasche d’acqua a diversa temperatura)
  • il centro di Salsomaggiore Terme si riempirà già dalla mattina di una magica atmosfera di festa, tra mercatino artigianale e cucina di strada e, dalle 21, musica dal vivo
  • le terme di Monticelli proporranno apericena con dj set el solarium della piscina.
  • alle terme della Salvarola, nel modenese, dj set e cocktail bar nel parco termale
  • alle terme di Porretta la Notte Celeste verrà festeggiata assieme alla quinta edizione del Festival Nazionale dell’Acqua: dal pomeriggio di sabato sarà possibile partecipare a visite guidate alle sorgenti termali sotterranee ed al Centro storico, mentre il Parco termale sarà animato da esibizioni per grandi e piccoli

Sapevi che siamo convenzionati con le terme di Porretta e con altri centri termali in Italia? Clicca qui per scoprire gli altri centri affiliati.

  • Alle Terme dell’Agriturismo, serata con intrattenimento, proposte termalia tema e “Acqua dj set”
  • Alle Terme di Castel San Pietro, festa per tutta la famiglia, con raduno di auto storiche, intrattenimenti ed animazioni per bambini all’interno del parco delle terme e, dalla sera, grande show di Fontane Luminose e spettacoli di ballo.
  • a Castrocaro Terme, intrattenimento musicale e spettacoli di ballo nelle vie e piazze del centro
  • al Grand Hotel Terme della Fratta nel pomeriggio escursione in E-bike con aperitivo naturale, sedute di yoga e stretching dei meridiani, cena “stellata” ispirata alla Notte Celeste e, in alternativa, pic nic celeste nel parco termale, con spettacolo finale di fontane danzanti.
  • a Bagno di Romagna, passeggiata serale “Dolce & Salute” con degustazioni di dessert e cocktail alla frutta e gran varietà in Piazza Ricasoli con la comicità di Fabrizio Fontana, Capitan Ventosa da Striscia la Notizia e James Tont da Zelig
  • trattamenti a tema nei centri termali Rosèo Euroterme Wellness Resort, Hotel delle Terme di Sant’Agnese e Grand Hotel Terme Roseo a seguire dj set e flashmob di mezzanotte
  • alle terme di Riolo offerte speciali e prova gratuita delle cure inalatorie, e a quelle di Cervia piscina termale aperta fino a tardi
  • a Riminiterme dal pomeriggio di sabato camminata ecologica in riva al mare con raccolta rifiuti, “rustida” di pesce azzurro, concerto di Sergio Casabianca e fuochi d’artificio finali per poi proseguire all’alba di domenica, con il concerto dei The Jammers, featuring Fabrizio Bosso (a pagamento).
  • a Riccione Terme e Perle d’Acqua Park tutti coloro che indosseranno un costume celeste entreranno gratuitamente e la sera emozioni a non finire tra concerti, installazioni luminose, artigianato e degustazioni enogastronomiche nel parco

Per maggiori info consultate il sito ufficiale dell’evento: www.lanotteceleste.it


How food changes us

The conference “How food changes us: nutrition, nutraceuticals and nutrigenomics” (Come il cibo ci modifica: nutrizione, nutraceutica e nutrigenomica) was held on the 7th of June 2017, in the Hall of the Order of Pharmacists of the province of Bologna.

The speakers were:

  • Claudio Borghi – moderator
  • Carlo Gessa – “Organic farming products: a questionable choice” (Prodotti da agricoltura biologica: una scelta discutibile)
  • Silvana Hrelia – “Nutraceuticals and translational nutrition: the 3.0 vision of enhancement medicine” (Nutraceutica e nutrizione traslazionale: la visione 3.0 della medicina potenziativa)
  • Arrigo Cicero – “Clinical nutraceuticals, inflammation and correlated risks: diet and pharmaceuticals” (Nutraceutica clinica, infiammazione e rischi correlati: fra dieta e farmaco).
  • Federico Bardazzi – “Psoriasis and nutrition: do certain foods influence psoriasis?” (Psoriasi e nutrizione: esistono cibi che la influenzano?)
  • Luigi Greco – “How food changes us: nutrigenomics and health” (Come il cibo ci modifica: nutrigenomica e salute)

The information material provided by the speakers is available on the right-hand side of this page. You can also download the summary of the conference, written by Professor Gianni Porzi, at the following link.

Download the summary of the conference in italian


Fondazione Corazza Psoriasi&Co.

Artrite psoriasica: 6 modi per proteggere le articolazioni

Può essere molto invalidante e di certo impatta sulla vita di tutti i giorni. Per questo i pazienti che soffrono di artrite psoriasica hanno tanti dubbi su ciò che possono o non possono fare e anche su come possono trovare un po’ di sollievo. Ecco 6 consigli per proteggere le articolazioni.

Colpisce circa 100.000 italiani e compare generalmente fra i 30 e i 50 anni. Può interessare fino a sei differenti sedi a partire dalle articolazioni periferiche, come ginocchia, polsi, caviglie e spalle, che risultano gonfie, rigide e doloranti. Anche se oggi esistono farmaci molto efficaci, non si può guarire del tutto e la qualità di vita può essere fortemente compromessa. I dubbi e le domande che hanno questi pazienti sono tanti. Valeria Corazza, presidente della Fondazione Natalino Corazza ha realizzato un opuscolo per rispondere ai quesiti più frequenti dei pazienti e spiegare come nella vita di tutti i giorni si possono proteggere le articolazioni. Ecco le 6 regole più importanti.

1.Conoscere il proprio corpo

E’ importante individuare i momenti e gli aspetti della quotidianità che scatenano o intensificano il dolore. Così, sarà possibile basarsi proprio su queste osservazioni per trovare il modo di svolgere le attività evitando i gesti che scatenano o peggiorano il dolore.

2.Distribuire il carico sulle articolazioni più forti

Più l’articolazione è grande e più è forte, perciò le grandi articolazioni possono sopportare un carico maggiore rispetto alle piccole. Caricare le piccole articolazioni più del dovuto può sforzare le strutture articolari e provocare dolore; questo vale in particolare per le piccole articolazioni delle mani, quindi se ad esempio bisogna pulire il tavolo con la spugnetta, meglio usare il palmo della mano aperto invece che le sole dita.

3.Evitare di restare fermi troppo a lungo nella stessa posizione

Le posizioni tenute troppo a lungo non sono l’ideale perché le articolazioni tendono ad irrigidirsi; inoltre, l’immobilizzazione prolungata di un’articolazione per giorni o settimane può indebolire molto il muscolo che la muove. Se quando si va a teatro o al cinema dopo un po’ si irrigidiscono le ginocchia, si può provare a sedersi nei posti vicino al corridoio, così si ha lo spazio per allungare le gambe di tanto in tanto.

4.Alleggerire le articolazioni

Chi soffre di artrite tende a muoversi poco a causa del dolore; questa situazione favorisce la comparsa di sovrappeso e obesità, che sovraccaricano i muscoli e le articolazioni, specialmente quelle della parte inferiore del corpo (bacino, ginocchia e caviglie). Perdere peso contribuisce a ridurre il dolore, regalando una sensazione di benessere ed energia.

5.Mantenere una corretta postura

Mantenere una postura eccessivamente rilassata o troppo rigida, ma anche stare seduti o in piedi a lungo nella stessa posizione può provocare mal di schiena. Imparare una corretta postura è una strategia efficace per contrastare il dolore provocato dall’artrite: inizialmente può essere un po’ faticoso, ma poi diventa naturale e richiede molto meno impegno.

6.Praticare sport

L’esercizio fisico gioca un ruolo importante nel controllo del peso e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Un programma di esercizi studiato su misura contribuisce a ridurre il dolore e migliorare la funzionalità articolare. Non tutti i tipi di sport vanno bene; in linea di massima, camminare, nuotare e andare in bicicletta sono attività sicure che puoi svolgere tranquillamente. Tuttavia, chi ha l’artrite deve comunque adottare una serie di accorgimenti per praticare il fitness in sicurezza, ad esempio fare un riscaldamento più lungo prima dell’esercizio. E’ utile anche consultare un fisioterapista o un terapista occupazionale per studiare insieme un programma di attività aerobica che sia allo stesso tempo efficace e adeguato.

Fonte: https://www.repubblica.it/dossier/salute/psoline/2019/03/19/news/artrite_psoriasica_sei_modi_per_proteggere_le_articolazioni-222024501/


Le intossicazioni alimentari: quali sono e come evitarle

L’OMS ha dichiarato che oltre 600 milioni di persone ogni anno si ammalano a causa di Batteri o virus.

E’ vero che gli alimenti possono trasmettere malattie?

Vero. Negli alimenti o anche nell’acqua possono essere presenti microrganismi patogeni, batteri, che contaminano la salubrità di alimenti se aggiunti intenzionalmente o casualmente e che possono causare malattie se superano le barriere difensive dell’uomo, soprattutto bambini, anziani, e individui carenti per malattie o stress.

Come avviene la contaminazione?

I batteri possono essere presenti negli alimenti all’origine (vegetali cresciuti su terreni contaminati o irrorati con acque contaminate, carni di animali infetti) o contaminare gli alimenti durante le varie fasi della lavorazione a causa di manipolazione con mani sporche o a causa di secrezioni aeree o usando acqua non potabile o per contatto con cibi contaminati.

In che modo gli alimenti diventano causa di infezioni (tossinfezioni alimentari)?

La azione nociva dei microrganismi avviene per ingestione dell’alimento contaminato dagli agenti infettivi (come nel caso della Salmonella) o per intossicazioni attraverso tossine prodotte dall’alimento stesso (come per il Botulismo).

Esistono oggi al mondo più di 250 tossinfezioni alimentari, che si manifestano con differenti sintomi e sono causate da diversi agenti patogeni, perlopiù batteri, virus e parassiti. Con il passare degli anni, vengono identificati continuamente nuovi patogeni (i cosiddetti patogeni emergenti, come Campilobacter jejuniEscherichia coli 157:H7, Listeria monocytogenesYersinia enterocolitica, etc), alcuni dei quali si diffondono anche per effetto dell’incremento di scambi commerciali, di ricorso alla ristorazione collettiva, di grandi allevamenti intensivi e di viaggi.

Ma quali sono le malattie più frequenti e quali i sintomi?

  • Botulismo

E’ una intossicazione molto grave che si manifesta dopo 12/36 ore dal consumo del cibo contaminato

Bocca secca, debolezza muscolare, vista offuscata, difficoltà ad inghiottire sono i sintomi.

Nausea o diarrea non sono sempre presenti.

I cibi responsabili sono frutta e verdure preparate in casa, insaccati, più raramente cibi in scatola.

  • Salmonellosi

Si manifesta, a distanza di 6/72 ore dal consumo del cibo contaminato, con nausea, vomito, diarrea e febbre.

I cibi responsabili sono latte, uova, carni e derivati, pollame.

  • Stafilococco aureo

Stessi sintomi della Salmonellosi ma si manifesta dopo 30 minuti-/7 ore dal consumo del cibo contaminato.

Cibi responsabili sono: latte, panna, formaggi non pastorizzati, uova crude(gelati, salse, creme) e carni poco cotte.

  • Tossinfezione da clostridium perfigens

Si manifesta dopo 6/24 ore dal consumo di cibo contaminato con coliche addominali e diarrea.

Responsabili sono: carni, pollame, pesci elaborati e lasciati a lungo a temperatura ambiente e quindi in cattivo stato di conservazione.

  • Tossinfezione da bacillo cereus (scarsamente virulento)

Molto diffuso nell’ambiente soprattutto nel suolo.

Si manifesta con dolori addominali dopo 10/15 ore dalla consumo dell’alimento contaminato.

Alimenti a base di riso, alimenti con amido e cibi tenuti a lungo a temperatura ambiente dopo la cottura sono i maggiori responsabili.

Le tossinfezione e le intossicazioni alimentari, ma non il botulismo, si manifestano con una sintomatologia comune a carico di stomaco e intestino.

Non curarsi da soli ma rivolgersi al medico che ci darà il farmaco giusto quando necessario.

Ci sono regole da seguire per prevenire il rischio di un’intossicazione?

Acquisto

  1. Acquistare prodotti di qualità da fornitori di fiducia quando possibile.
  2. Verificare la pulizia del posto di acquisto, l’integrità delle confezioni, controllare le date di scadenze e gli ingredienti.
  3. Per le carni e il pesce evitare di acquistare prodotti esposti su banchi non refrigerati e se surgelati controllate che le confezioni non siano ricoperte di brina o ghiaccio o bagnate: significa che è stata interrotta la catena del freddo.
  4. Il latte deve essere pastorizzato, i formaggi freschi debbono essere esposti in banco frigo.

Conservazione

  1. Se il prodotto non viene usato subito, per periodi brevi da 3 a 5 giorni il frigorifero a 4° è il luogo più idoneo.
  2. Avvolgere gli alimenti in alluminio o sacchetti da frigo separatamente perché non entrino a contatto tra loro.
  3. Il pesce va conservato nella parte più fredda.
  4. Fare attenzione alla pulizia del frigo.
  5. Le uova andrebbero lavate e non utilizzate se presentano il guscio rotto.
  6. Se si prevede di non consumare entro breve tempo l’alimento è bene surgelarlo cosi potrà durare anche 6 mesi.

Preparazione

  1. Quando si vuole utilizzare un alimento sia carne che pesce surgelato scongelarlo in frigorifero o nel forno microonde. Evitate a temperatura ambiente.
  2. Il pollo va ben cotto, i frutti di mare che non si aprono vanno scartati, le salse e le creme a base di uova crude vanno immediatamente riposte in frigorifero in contenitori chiusi e utilizzate al più presto.
  3. Non preparate carni o pesci o verdure sullo stesso piano di lavoro.
  4. Gli utensili vanno lavati con attenzione con saponi e acqua calda

L’introduzione nelle diete occidentali di preparazioni come il sushi, il sashimi e la comparsa di locali che offrono questo tipo di cucina, il consumo di pesce crudo è decisamente aumentato. Se dal punto di vista nutritivo le differenze tra cotto e crudo sono poco significative, dal punto di vista igienico si corrono molti meno rischi d’ingerire batteri o agenti patogeni se lo si consuma ben cotto. Osservare le norme igieniche è una regola per tutti gli alimenti, ma per i prodotti del mare la soglia di attenzione deve essere un po’ più alta.

Il pesce dicevamo consumato crudo è pericoloso perché negli intestini dei pesci trova dimora lanisakis , parassita intestinale molto pericoloso.

Ma se il pesce viene subito sviscerato e abbattuto il terribile parassita muore e possiamo tranquillamente gustarci le acciughe marinate o il carpaccio di tonno o la tartare di orata.

I molluschi bivalve tipo ostriche non ospitano l’anisakis perché privi di intestino.  Anche i crostacei è buona norma utilizzarli solo se abbattuti.

Cosa si intende per “abbattuti”?

L’ abbattitore è uno strumento (contenitore tipo freezer) che consente di portare l’alimento a temperature tra i -20 e -40°C molto velocemente , il pesce deve restare a queste temperature per un tempo variabile dalle poche ore fino a più giorni a seconda dello strumento e della temperatura. Solo con questa procedura si distruggono le larve.
I pericoli maggiori provengono dai ristoranti che non osservano la normativa europea del 2004 che obbliga l’abbattimento a tutti gli esercizi che vendono o servono pesce crudo.

Se vuoi saperne di più su quali alimenti sono consigliati per stare bene e in forma, abbiamo dedicato un’intera pagina a questo argomento.


Fondazione Corazza Psoriasi&Co.

Acque minerali: le 5 domande più frequenti

L’acqua rappresenta dal 45% al 99% della massa di qualunque essere sulla terra. Nell’uomo varia con l’età: nel neonato la quota è del 75/80% che scende al 40/50% nella persona anziana.

Il primo segnale di invecchiamento è proprio la graduale perdita di acqua nei tessuti.

Le 5 domande più frequenti sull’acqua

  • È vero che l’acqua va bevuta lontano dai pasti?

No. Anzi bere una adeguata quantità di acqua (600-700 mg/l di residuo fisso) ci aiuta a favorire i processi digestivi. Attenzione! L’acqua durante i pasti va assunta con moderazione! Infatti diluisce i succhi gastrici e soprattutto il potere demolitore della saliva nella preparazione del lobo alimentare. Quindi digestione più complessa soprattutto per alcune proteine.

  • L’acqua fa ingrassare?

No. Non contiene calorie liscia o gassata che sia. “Ogni variazione a breve termine del peso corporeo dovuta a maggiore perdita o ritenzione è ingannevole e momentanea” (linee guida del Cra-Nut). Un eccesso di acqua addizionata contribuisce al gonfiore.

  • L’acqua fa dimagrire?

Purtroppo no. Non lava via zuccheri o grassi. Sembra che bere a digiuno e prima dei pasti aiuti ad assumere meno calorie. Perché la pancia piena riduce la fame o altro? Non si sa, ma per alcune acque il contenuto salino determina una sensazione di sazietà, soprattutto se addizionate di CO2.

  • È vero che bere molta acqua provoca molta ritenzione idrica?

No. La ritenzione dipende dai sali e altre sostanze contenuti nei cibi che mangiamo ed in particolare dalla funzionalità di alcuni organi interni.

  • È vero che l’acqua gasata fa male?

Né l’acqua naturalmente gasata né quella addizionata con gas creano problemi ma dipende dalla quantità assunta per porzione.

Alcuni suggerimenti nella scelta della vostra acqua minerale

Preferite:

  • acque ricche di calcio (sopra i 100mg/l), magnesio (sopra i 20mg/l) e solfati (sopra i 15mg/l)
  • acque medio minerali (500-1500 di residuo fisso)
  • acque a basso contenuto di litio e manganese
  • acque in contenitori di vetro
  • bere 8 -10 bicchieri di acqua al giorno (1,5/2 litri)
  • bere anche quando non si ha sete

Da evitare:

  • acque a temperature inferiori a 14°
  • caraffe e bottiglie lasciate aperte in frigo
  • acque ricche in CO2

Come leggere l’etichetta

Le principali informazioni che una etichetta deve contenere sull’acqua minerale:

  • nome
  • luogo di origine
  • termine e indicazioni per la conservazione
  • lotto e conducibilità
  • contenuto
  • codice a barre
  • classificazione sulla base del residuo fisso, in acque:
    1. minimamente mineralizzate
    2. oligominerali
    3. medio minerali
    4. ricche di sali minerali
  • microbiologicamente pura che attesta l’assenza di germi pericolosi e indicatori di inquinamento
  • analisi chimica che deve riportare gli elementi caratteristici contenuti espressi in mg per litro
  • Proprietà favorevoli alla salute, qualità salienti del tipo: stimola la digestione, o può avere effetti lassativi, o diuretici, può facilitare l’eliminazione di acido urico, ecc. La legge non permette di scrivere es: “proprietà per prevenire o curare o guarire una patologia”.

In etichetta è importante osservare le quantità di HCO3 e di O2.

tabella con acque minerali

Ma esiste un’acqua minerale migliore di tutte le altre?

Sicuramente no ma esiste quella più adatta alle nostre esigenze o quella che ci piace perché soddisfa il nostro gusto.

L’acqua è parte integrante della nostra dieta alimentare, non solo come elemento indispensabile per il buon funzionamento dell’organismo ma anche perché è in grado di contribuire al fabbisogno dei minerali quali nutrimento.

Per approfondimenti: www.bereacqua.org


Fondazione Corazza Psoriasi&Co.

L'infiammazione: cos'è, come funziona e come combatterla col cibo

L’infiammazione (o flogosi) è un meccanismo di difesa innato e aspecifico. Tale processo costituisce una risposta protettiva, il cui obiettivo finale è l’eliminazione della causa iniziale di danno cellulare e l’avvio del processo riparativo tissutale. L’infiammazione è una reazione prevalentemente locale e la risposta al danno è data dalle cellule che sono sopravvissute alla sua azione. Il danno può essere provocato da:

  • agenti fisici (traumi, calore, radiazioni)
  • agenti chimici (acidi e basi forti)
  • agenti di natura biologica (batteri, virus e parassiti)
  • necrosi
  • ipossia

L’infiammazione viene classificata secondo un criterio temporale in infiammazione acuta e infiammazione cronica (che può far seguito all’infiammazione acuta o essere tale fin dall’inizio). Quest’ultima può poi essere distinta secondo un criterio spaziale in diffusa (infiammazione cronica interstiziale) oppure circoscritta (infiammazione cronica granulomatosa).
La risposta comprende una componente vascolare (angioflogosi) ed una componente tissutale (istoflogosi) che si combinano in varie proporzioni a seconda che il processo sia acuto o cronico.

I principali eventi dell’infiammazione acuta sono nel seguente ordine temporale:

  • vasodilatazione: determina l’aumento del flusso ematico con conseguente iperemia
  • aumento della permeabilità vascolare del microcircolo, con conseguente fuoriuscita della parte liquida del sangue
  • formazione di essudato: liquido extravascolare ricco di proteine plasmatiche
  • diapedesi: migrazione dei globuli bianchi (leucociti) dal microcircolo al compartimento extracellulare
  • Chemiotassi: accumulo di quest’ultimi nella sede del danno in seguito al rilascio di mediatori chimici (citochine)
  • fagocitosi: ingestione e distruzione dei microrganismi patogeni e dei detriti cellulari ad opera di particolari leucociti (granulociti neutrofili e macrofagi), a cui segue la risoluzione o cronicizzazione del processo infiammatorio.

L’infiammazione cronica differisce dall’acuta per:

  • una durata maggiore (anche anni)
  • prevalenza di macrofagi, linfociti e fibroblasti (rispetto ai granulociti neutrofili nella flogosi acuta)
  • proliferazione di vasi sanguigni (neoangiogenesi) e fibrosi (tessuto di vascolarizzazione)

I sintomi cardinali della flogosi sono manifestazioni cliniche delle modificazioni tissutali e si presentano nel seguente ordine:

  • calor (aumento della temperatura locale dovuto all’aumentata vascolarizzazione)
  • tumor (gonfiore determinato dalla formazione dell’essudato)
  • rubor (arrossamento legato all’iperemia attiva)
  • dolor (indolenzimento provocato dalla compressione e dall’intensa stimolazione delle terminazioni sensitive da parte dell’agente infiammatorio e dei componenti dell’essudato)
  • functio lesa (compromissione funzionale della zona colpita)

La sensazione dolorifica a sua volta è regolata da centri del sistema nervoso centrale. La percezione del dolore associata al danno è soggettiva, quindi influenzata dall’ambiente esterno. Inoltre la diversa percezione del dolore può essere dovuta ad un diverso rilascio di endorfine (considerate antidolorifici oppiacei endogeni).

Le principali cellule coinvolte nel processo infiammatorio sono:

  • granulociti (basofili, neutrofili ed eosinofili)
  • monociti (in circolo) e macrofagi (nei tessuti)
  • mastociti
  • linfociti (T, B e NK)
  • cellule endoteliali
  • piastrine e fibroblasti

I mediatori chimici della flogosi sono rappresentati da numerose molecole che scatenano, mantengono ed eventualmente limitano le modificazioni del microcircolo descritte precedentemente. Alcuni di essi sono contenuti in organuli cellulari dai quali vengono rilasciati in seguito a stimoli infiammatori (mediatori preformati), altri vengono sintetizzati e secreti in seguito a stimoli flogistici (mediatori di nuova sintesi) ed altri ancora si formano nel sangue a partire da precursori inattivi. Il sistema nervoso sensitivo, a sua volta, contribuisce ad alcune manifestazioni infiammatorie mediante neuropeptidi (quali ad esempio: sostanza P e neurochinine).

I principali mediatori chimici sono costituiti da:

  • citochine (interleuchine, cemochine, linfochine)
  • leucotrieni
  • neurotrasmettitori (serotonina, istamina)
  • fattori della coagulazione
  • fattore di attivazione piastrinico (PAF)
  • enzimi lisosomiali
  • specie reattive dell’ossigeno (ROS) e monossido di azoto (NO)

Risposte di fase acuta: se l’infiammazione è particolarmente intensa o interessa un’area molto estesa di tessuto può verificarsi una risposta sistemica, ovvero che coinvolge l’intero organismo.

  • febbre e brividi
  • leucocitosi (aumento del numero di globuli bianchi nel sangue)
  • astenia e malessere generale
  • tachicardia (aumento del battito cardiaco al di sopra dei 90 bpm)
  • inappetenza e cachessia (perdita di peso, deperimento)
  • aumento di proteine della fase acuta

Gli esiti del processo infiammatorio possono essere di tre tipi:

  1. La necrosi, causata dalla distruzione cellulare operata dagli enzimi lisosomiali che danneggiano non solo i microrganismi ma anche i tessuti producendo la morte dei tessuti.
  2. La cronicizzazione, che si instaura quando la reazione flogistica non ha eliminato completamente la causa alla base del processo infiammatorio.
  3. La guarigione: la parte liquida dell’essudato viene riassorbita mentre i leucociti vanno incontro a morte cellulare programmata dopo aver fagocitato e distrutto gli agenti patogeni.

Non di rado si riscontrano nella pratica clinica casi di infiammazione silente, ovvero un’infiammazione cronica di basso grado che non si accompagna a sintomi in un organo in generale. Talvolta è possibile coglierne la presenza per alterazioni di alcuni parametri negli esami ematochimici. Si possono riscontrare modesti aumenti di PCR (proteina C reattiva), VES (velocità di eritrosedimentazione, fibrinogeno, acido urico, ferritina).

Un fattore chiave nella genesi e nel perpetuarsi dello stato infiammatori è il NF-kB (fattore nucleare-kB). Esso è paragonabile ad una specie di interruttore che deve rimanere spento. Se una qualsiasi causa riesce ad attivarlo, si creano le condizioni per l’insorgenza di numerose patologie come:

  • obesità
  • patologie cardiovascolari
  • diabete
  • sindrome metabolica
  • gotta

Anche il cibo può essere fonte di infiammazione. Un’alimentazione nella quale prevalgono cibi cotti, trattati chimicamente, ricchi di zuccheri raffinati e acidi grassi saturi porta ad un’alterazione del microbiota del tratto gastrointestinale e ad un peggioramento dello stato infiammatorio.

Un’alimentazione ricca di antiossidanti (omega-3, zinco, selenio, vitamine B12,C, D, E, coenzima Q) contenuti principalmente in frutta e verdura fresca, povera di grassi saturi e a basso indice glicemico gioca un ruolo fondamentale nel ridurre lo stato infiammatorio sistemico. L’effetto benefico di tale dieta entra in sinergia con quello dei farmaci antinfiammatori, della regolare attività fisica e della riduzione del consumo di alcol e sigarette.

Articolo a cura del Dott. Giovanni Cappella


Psoriasi: migliora la tua pelle con le terme

Se è vero che il paziente che soffre di psoriasi ha bisogno di cure mediche ad hoc e durature nel tempo, è anche vero che a volte necessita di momenti da dedicare a sé stesso per distanziarsi dalla vita frenetica quotidiana.

In questo orizzonte le cure convenzionali e il relax non devono essere sempre due concetti distinti bensì due lati della stessa medaglia: alle più comuni terapie si può affiancare il sostegno delle terme per una maggiore efficacia della cura.

Le terme ricoprono un ruolo chiave poiché vanno incontro ai bisogni (clinici e non solo) dei pazienti e sono anche i medici stessi che li indirizzano nel centro termale più adatto a seconda delle esigenze della pelle.

In Italia sono tantissimi i centri termali noti per le proprie acquee e, dalla buona collaborazione della nostra Fondazione con alcuni di essi, il paziente si può sentire sempre supportato, anche in vacanza!

Le acque termali possono mostrarsi con diverse caratteristiche:

  • Acque Solfate: indicate soprattutto per i disturbi del fegato, dell’apparato digerente e di quello gastrointestinale, queste acque possono essere somministrate o bevendole o tramite l’applicazione dei fanghi.
  • Acque Sulfuree: particolarmente diffuse in Italia, vengono utilizzate per il trattamento di molti disturbi della pelle o delle vie respiratorie. Vengono somministrate tramite inalazioni o tramite l’applicazione dei fanghi.
  • Acque Cloruro – Sodiche: composte da cloro e sodio che aiutano nel migliorare la condizione di ossa e articolazioni, oltre che contribuire a combattere problemi reumatici e vascolari.
  • Acque Radioattive: prendono questo nome perché sono ricche di elementi derivanti da rocce e minerali.
  • Acque Salso-Bromo-Iodiche: la loro composizione è caratterizzata dalla presenza di salina, cloruro di sodio, iodio e bromo. Molto utili in caso di problemi cutanei e ginecologici.
  • Acque bicarbonate: estremamente utili per agevolare la digestione, esse infatti vengono anche portate quotidianamente sulla nostra tavola per essere bevute.
  • Acqua marina – talassoterapia: raccomandata per combattere gli inestetismi della pelle in particolare la cellulite e per contribuire alla pulizia delle vie respiratorie

Per scoprire i centri termali in Emilia Romagna e non solo con i quali la Fondazione Natalino Corazza è convenzionata clicca qui


Fondazione Corazza Psoriasi&Co.

Che impatto ha la dieta sulla Psoriasi?

Che cos’è l’obesità?

L’obesità è attualmente considerata il più grave problema di salute pubblica del XXI secolo.

L’obesità è una condizione medica caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo che può portare effetti negativi sulla salute con una conseguente riduzione dell’aspettativa di vita.

mappa mondiale dell'obesità

La mappa mondiale dell’obesità

Come si misura l’IMC?

come misurare l'indice di massa corporea

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’obesità attraverso l’indice di massa corporea (IMC), dato biometrico che mette a confronto peso e altezza: sono considerati obesi i soggetti con l’IMC maggiore di 30 kg/m², mentre gli individui con l’IMC compreso fra 25 e 30 kg/m² sono ritenuti sovrappeso.

E’ noto che i pazienti affetti da psoriasi sono spesso in sovrappeso rispetto alla popolazione in generale e frequentemente obesi. Il controllo del peso corporeo è molto importante perché può influire sulla scelta delle terapie sistemiche e sulla loro efficacia.

La perdita di peso e una corretta alimentazione unite a esercizio fisico possono contribuire a diminuire la gravità della patologia, ridurre le recidive.

Psoriasi e dieta durante la grande guerra

  • Uno studio ha valutato l’andamento della malattia psoriasica in corso di restrizioni dietetiche estreme, quali quelle vissute durante la 1° guerra mondiale
  • Durante il periodo bellico, a dispetto delle ovvie condizioni di stress psicologico, i soggetti affetti da psoriasi e costretti a una dieta limitata avevano mostrato un iniziale miglioramento del quadro clinico, con recidiva delle lesioni cutanee dopo la ripresa di un’alimentazione regolare.

L’obesità rappresenta un fattore di rischio per la psoriasi?

ragazza in forma e ragazza sovrappeso

Numerosi studi epidemiologici hanno suggerito che il decorso clinico della psoriasi può essere influenzato da un IMC elevato e da una condizione di obesità, così come suggeriscono una eziologia genetica comune.

Psoriasi e obesità infatti condividono alcune citochine patogene contenute nel grasso viscerale tra le quali il TNF-alfa, che oltre ad essere elevate nelle chiazze psoriasiche, giocano un ruolo importante nella patogenesi della psoriasi.

Il TNF-alfa è inoltre un marcatore di infiammazione e oggi esistono farmaci anti TNF-alfa utilizzati nel trattamento della psoriasi medio grave.

Sono stati evidenziati nei pazienti psoriasici vari componenti della sindrome metabolica (non è una singola patologia ma un insieme di fattori rischio che aumentano la possibilità di sviluppare patologie cerebro e cardiovascolari e diabete):

  • presenza di una quantità eccessiva di grasso corporeo, specie a livello addominale, il cosiddetto grasso viscerale con variazione del rapporto peso/altezza (indice IMC)
  • elevati valori di colesterolo ldl e trigliceridi nel sangue
  • ipertensione arteriosa (valori pressori > 140/90)
  • bassi livelli di colesterolo Hdl (il colesterolo cosiddetto “buono”)
  • resistenza all’insulina, con conseguente iperglicemia
  • iperuricemia
le cause della sindrome metabolica

Di recente è stata pubblicata una revisione della letteratura scientifica (Journal of American Academy of Dermatology) che dimostra il netto legame tra sindrome metabolica e psoriasi grave. La psoriasi non è soltanto un problema che riguarda la pelle, ma va inquadrata come una patologia ad interessamento “sistemico”, che riguarda cioè tutto l’organismo e può essere associata a numerose altre malattie.

Il legame fra psoriasi, diabete, obesità e IMC

gemelli in sovrappeso

Anche uno studio danese, condotto su oltre 33 mila gemelli e pubblicato sulla rivista scientifica Jama Dermatology, dimostra il legame tra psoriasi, diabete, obesità e IMC.
I ricercatori danesi hanno analizzato oltre 33.000 coppie di gemelli (tra i 20 e 71 anni), il 4,2% di loro soffriva di psoriasi. Dopo aver preso in considerazione l’IMC gli studiosi hanno concluso che chi soffre di psoriasi ha spesso chili di troppo, particolarmente evidente nelle 720 coppie di gemelli all’interno delle quali uno dei due fratelli presentava la psoriasi: ad avere le chiazze sulla pelle era più spesso quello con eccessivo girovita.
Un altro studio del 2014 realizzato dallo Psoriasi Emilia Romagna Study Group ha coinvolto 303 pazienti obesi e in sovrappeso trattati per 20 settimane con piano dietetico ed esercizio fisico. Il principale esito valutato dalla ricerca è stato la riduzione del punteggio PASI (indice che indica la gravità e la estensione della psoriasi dal 25% al 45%) quindi riduzione dell’estensione dell’area della psoriasi, oltre alla riduzione della gravità delle placche e soprattutto un importante aumento dell’efficacia del trattamento di cura.
L’impatto a lungo termine di una dieta rimane comunque, ancora da esplorare.

Conclusioni

  • Minime riduzioni di peso possono determinare significativi miglioramenti della risposta alle terapie
  • Riduzione degli switch terapeutici
  • Riduzione dei costi
  • Riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare e sindrome metabolica

Se vuoi approfondire sul tema “alimentazione e dieta” visita la nostra pagina dedicata all’argomento.


Vaccini e psoriasi

A cura della Dott.ssa Vera Tengattini  e della Dott.ssa Ilaria Denti

Vaccinarsi è importante per tutti, ma nei pazienti affetti da psoriasi lo è ancora di più. Infatti, la psoriasi e alcuni relativi tipi di terapia possono aumentare il rischio di contrarre alcune malattie (ad esempio l’influenza), che invece grazie alle vaccinazioni si riescono in parte a prevenire.

I vaccini, come tutti i farmaci, non sono esenti da controindicazioni. Per fare chiarezza:

Si definisce controindicazione una condizione (ad esempio una malattia) della persona ricevente che aumenta il rischio di gravi reazioni (1).

Una vaccinazione va quindi somministrata con estrema cautela quando è presente una controindicazione, perché il rischio degli eventi avversi potrebbe essere maggiore dei vantaggi indotti dal vaccino. La psoriasi di per sé non rappresenta una controindicazione assoluta alla somministrazione di vaccini, ma prima di eseguire qualsiasi vaccinazione è comunque necessario rivolgersi al proprio medico per valutare lo stato di attività della malattia e il tipo di terapia in corso (2).

In generale, vale la regola che i vaccini prodotti da virus o batteri inattivati (la maggior parte dei vaccini, ad es. il “vaccino antinfluenzale split”) non comportano alcun problema per le persone affette da psoriasi. Invece i vaccini ottenuti da virus o batteri vivi (es. “vaccino antirosolia”) devono essere utilizzati con particolare cautela, in particolare nei soggetti sottoposti a terapie sistemiche (3, 4). Ogni tipo di vaccino andrebbe comunque evitato quando il paziente si trova in una fase di “riaccensione” della malattia (5); pungere la pelle con un ago potrebbe causare un tipo di reazione chiamato “di Koebner” (dal nome del dermatologo che la descrisse per la prima volta nell’Ottocento), indipendentemente dal tipo di sostanza iniettata.

Secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute, la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata in tutti i pazienti in trattamento con farmaci immunosoppressori, compresi quindi i pazienti affetti da psoriasi che seguono queste terapie (6). La vaccinazione antinfluenzale annuale nei pazienti con psoriasi in trattamento con farmaci biologici rappresenta infatti un mezzo efficace e sicuro per prevenire la sindrome influenzale e le sue complicanze, come sottolineato dal Medical Board della National Psoriasis Foundation (7). A discrezione del medico, la vaccinazione per l’influenza stagionale può essere associata alla vaccinazione anti-pneumococcica; tali vaccini possono essere eseguiti nella stessa seduta (uno per braccio) e non è necessaria la sospensione dei trattamenti. Uno studio del 2011 pubblicato su Arthritis Research and Therapy ha riportato come il vaccino anti-Herpes Zoster (composto da virus vivo attenuato) sia sicuro anche per le persone affette da malattie autoimmuni in terapia con farmaci biologici o immunosoppressori, purché non coesista un grave stato di immunocompromissione (8).

Inoltre, in previsione di terapie immunosoppressive a lungo termine (ovvero con durata superiore a 28 giorni), è ideale che le vaccinazioni di routine e i vaccini aggiuntivi indicati siano eseguiti prima di iniziare la terapia immunosoppressiva, in modo da ottenere una risposta ottimale al vaccino (5). È quindi fondamentale rivolgersi al proprio dermatologo di fiducia per valutare il piano vaccinale più adatto e programmare le vaccinazioni coerentemente con l’inizio delle terapie sistemiche e lo stato della malattia.

Riferimenti bibliografici

  1. WHO. Vaccine safety basic learning course.
  2. Epidemiology and Prevention of Vaccine-Preventable Diseases The Pink Book: Course Textbook – 13th Edition (2015) CDC- Centers for Disease Control and Prevention
  3. Rahier JF et al. Vaccinations in patients with immune-mediated inflammatory diseases. Rheumatology (Oxford). 2010 Oct PMID: 20591834
  4. Rademaker M, at al. Psoriasis and infection. A clinical practice narrative. Australas J Dermatol. 2018 Aug 5. Review. PubMed PMID: 30079566
  5. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. Quinta edizione – Febbraio 2018 A cura di Ministero della salute, Consiglio superiore di sanità
  6. http://salute7gov.it/influenza/newinfluenza
  7. Lebwohl m et al. From the medical Board of the Nation Psoriasis Foundation JAAS 2008
  8. Zhang J et al. The use, safety, and effectiveness of herpes zoster vaccination in individuals with inflammatory and autoimmune diseases: a longitudinal observational study. Arthritis Res Ther. 2011 PMID: 22024532

Psoriasi: 6 consigli per migliorare la tua pelle col sole

L’estate è la stagione ideale per investire in metodi naturali per il trattamento della psoriasi. Il sole, infatti, in questo periodo dell’anno diventa come un farmaco per la nostra pelle. Il motivo? Grazie al sole assumiamo circa l’80% della vitamina D necessaria al fabbisogno giornaliero.

1. L’importanza della Vitamina D

Considerata più un ormone che una vitamina, controlla la quantità di calcio che viene assorbita dall’intestino; regola i livelli del calcio e del fosforo nel sangue e nelle ossa quindi è fondamentale per la crescita dei ragazzi e per la prevenzione della osteoporosi, fragilità della ossa, comune nelle donne in menopausa, inoltre svolge una azione antinfiammatoria. Chi ha livelli bassi di vitamina D è a rischio di sviluppare colon irritabile e colite infiammatoria.

2. Quando e quanto esporsi al sole

Circa 20 minuti al giorno di esposizione su pelle nuda, in costume o in maglietta e pantaloncini copriranno il fabbisogno giornaliero di vitamina D. Chi ha la pelle più chiara non necessita di lunghe esposizioni al sole. L’amata abbronzatura ci farà assimilare la Vitamina D più lentamente. In inverno con viso e mani scoperte una passeggiata all’aria aperta di 30 minuti potrà bastare.
Le radiazioni UVB sono molto intense tra le 11.00 e le 16.00 e ci si può scottare facilmente, inoltre l’ altitudine e il riflesso che genera l’acqua del mare, la neve o gli specchi abbronzanti possono accentuarne la intensità.

3. Utilizzare le creme per proteggere la pelle

Il consiglio è quello di usare creme con filtro adeguato al proprio fototipo.
Le protezioni solari da una parte ci proteggono dai raggi ultravioletti dall’altra non permettono la sintesi di vitamina D. Vi consigliamo quindi di utilizzare le creme protettive nelle ore più calde del giorno riservando almeno 20 minuti di tempo ad una esposizione senza crema (ovviamente quando il sole è basso e non vi è più il rischio di scottature).

4. Evitare la sovraesposizione perché può causare effetti negativi

Queste sono le patologie più frequenti legate all’eccessiva esposizione solare:

  • Melanoma: il principale fattore di rischio per il melanoma cutaneo è l’esposizione eccessiva alla luce ultravioletta, principalmente rappresentata dai raggi del sole. Altri fattori di rischio noti sono l’insufficienza del sistema immunitario e alcune malattie ereditarie.
  • Basalioma (carcinoma basocellulare) e spinalioma (carcinoma spinocellulare) abbreviato in BCC: è la forma più comune di tumore della pelle, con circa 2,8 milioni di nuovi casi diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti. Le persone che hanno avuto un BCC presentano un rischio maggiore di svilupparne altri negli anni successivi, sia nella stessa sede del primo tumore che in altre parti del corpo. La causa pricipale dei BCC è rappresentata dall’esposizione al sole. Il danno che porta allo sviluppo di questo tumore è il risultato sia di una esposizione cronica e cumulativa ai raggi solari come quella quotidiana, sia di una esposizione occasionale ed intensa, come quella che porta ad esempio alla comparsa di ustioni solari.
  • Invecchiamento precoce della pelle a causa delle ustioni.

5. Il sole è nostro alleato ma bisogna comunque prestare attenzione ai segnali della nostra pelle

Il sole è fondamentale per la nostra vita: accellera il ricambio cellulare, agisce da disinfettante bloccando la riproduzione di alcuni batteri, stimola la formazione di vitamina D ed è anche un naturale antidepressivo, poiché incrementa la produzione di serotonina, l’ormone del buonumore.
E’ necessario seguire delle regole e ascoltare le sensazioni di fastidio che il sole ci provoca.

6. Consumare cibi ricchi di antiossidanti e Vitamina C proteggono dal sole

Infatti i cibi ricchi di antiossidanti aumentano la protezione della pelle e potenziano le sue difese contro l’azione nociva dei radicali liberi (causati dalle aggressioni di agenti esterni quali inquinamento, fumo, esposizione al sole). In estate li troviamo in albicocche, melone, pesche, pomodori, more, lamponi e mirtilli. Senza dimenticare noci di vario tipo. Mentre i cibi ricchi di vitamina C come kiwi, arance e limoni e di vitamina A (o retinolo) favoriscono la sintesi di molecole dello strato connettivo, responsabili dell’elasticità della pelle e della sua idratazione; tra gli alimenti ricchi di questa vitamina troviamo uova, formaggio, spinaci e broccoli.

Scopri qui la nuova piramide alimentare consigliati dai medici.